Cos’è il SEO: facciamo chiarezza una volta per tutte

Facebook 0
Google+ 0
Twitter
LinkedIn 0
WhatsApp
Email

Cos'è il SEOCos’è il SEO: il SEO (o meglio LA SEO) è l’acronico per Search Engine Optimization (tradotto in italiano “ottimizzazione per i motori di ricerca”) e serve per rendere il proprio sito web più “visibile” nei motori di ricerca per le parole chiave (Query) prese di mira.

Piccola precisazione: IL SEO (maschile) è il professionista web che applica LA SEO (femminile) per ottimizzare i siti web per i motori di ricerca (perdonami io dirò sempre IL SEO, a prescindere che sia l’attività o il professionista)

Se adesso ti sembra arabo è normale, adesso ti spiego tutto con calma.

Partiamo col chiarire subito che in Italia quando si parla di motori di ricerca, si parla esclusivamente di Google perchè è il motore di ricerca utilizzato nel 92% circa delle ricerche.

Quindi ottimizzazione per i motori di ricerca è sinonimo di ottimizzazione per google.

Cos’è il SEO e perchè lo devi fare sa hai un sito Web?

Ogni giorno vengono effettuate su Google 3,3 miliardi di ricerche (3,3 miliardi!) quindi è molto probabile che in questo istante qualcuno sta cercando su google il servizio o prodotto che vendi.

Ottimizzare il sito Web per il SEO è un’attività di Marketing estremamente efficace perché ti permette di farti trovare nell’esatto momento in cui un potenziale cliente sta cercando attivamente i tuoi prodotti o servizi!

Vediamo cosa succede quando un utente arriva su Google e digita una Query (è l’insieme delle parole che inserisci nel campo di ricerca).
Per esempio, inseriamo la Query realizzazione siti web rimini (cerchiato in nero) e vediamo i risultati che ci restituisce google:

PS: l’articolo prosegue dopo l’immagine.
cos'è la seo spiegata con una ricerca su googleTi chiedo scusa per aver inserito una immagine così grande, ma volevo mostrarti la prima pagina che restituisce google per la query digitata.

Possiamo vedere che google ci restituisce due tipi di risultati:

i risultati presenti nel box rosso sono annunci e sono risultati a “pagamento” (quindi sono pubblicità).

Ossia le aziende che appaiono nei box rossi pagano per essere in quella posizione.

Se paghi appari anche tu in quelle posizioni (è un servizio che offre google che si chiama Google Adwords).

Invece i risultati che appaiono nel box verde sono detti risultati organici, ossia le 10 aziende che appaiono nella prima pagina si sono posizionate in maniera “naturale” per la query di ricerca “realizzazione siti web rimini” e NON PAGANO per essere in quella posizione.

E’ questo quello che fa un SEO (Search Engine Optimizer, ossia colui che fa SEO porfessionalmente) con l’ottimizzazione del sito web per google: cerca di posizionare il tuo sito Web nelle prime posizioni della pagina di ricerca per i risultati naturali (nel box in verde).

Ho scritto “cerca” perchè è una attività che non è sotto il diretto controllo del SEO perchè Google è un’azienda privata e quindi noi non possiamo in alcun modo “forzare” google per metterci in prima pagina.

Quello che può fare è adottare una serie di tecniche e strategie per cercare di posizionare il sito web del cliente nelle prime posizioni.

Un altro dato importante è che il 25% circa degli utenti clicca sul primo risultato organico, il 20% sul secondo, il 15% circa sul terzo e a calare. Nella decima posizione il 3%!.

E’ una gara tra le Web Agency di Rimini (o Sviluppatori Web freelance) che vogliono essere in prima pagina e nelle prime tre posizioni perchè è li che ci sono i potenziali clienti di Rimini che vogliono realizzare un sito Web.

Ovviamente non esiste solo la query realizzazione siti Web Rimini, ma altre query correlate del tipo Web Marketing Rimini oppure Web Agency Rimini.

Per ognuna di queste query, i risultati che appaiono in prima pagina cambiano!

E in seconda pagina c’è qualcuno? Sul Web gira una battuta molto simpatica, celebre nel settore, che dice:”The Best Place to Hide a Dead Body is Page Two of Google”, ossia:”Il miglior posto per nascondere un cadavere è la pagina 2 di google”!

Vuol dire che se sei in seconda pagina sei invisibile, non ti troverà mai nessuno.

Ovviamente, più la query è rilevante nel mercato, più è competitiva.

Per esempio posizionare in prima posizione un sito Web per la query “nonna papera in carrozza”, è facilissimo perchè nessuno cerca quella query (in gergo si dice che è poco competitiva).

Discorso molto diverso per parole chiave estremamente competitive come “Hotel a Riccione”, “mutui online”, “negozio elettronica” e così via…!

Le probabilità di posizionarsi in prima pagina e nelle prime 3 posizioni sono praticamente nulle o ci vuole parecchio tempo (mesi o anni) e lavoro per arrivarci.

In questo caso il consiglio è di pagare ed entrare nei risultati a pagamento (box in rosso).

SEO: Le 3 regole principali

“Ok Marco, ora che ho capito che cos’è il SEO e la sua enorme importanza, voglio essere in prima pagina e in prima posizione!”

Ok ok va bene, io non sono specializzato nella SEO, ma ho fatto due corsi e le basi le conosco molto bene.

Punto 1: Google mette nelle prime posizioni i siti che se lo meritano!

Non esistono trucchetti o “dritte” che con due click ti posizionano in prima pagina. O meglio, esistono e puoi farla franca per un po’ di tempo, ma Google non è stupido e prima o poi ti becca e ti penalizza posizionando il tuo sito nella trentesima pagina (sono dolori)! Uscire da una penalizzazione di Google non è facile.

Quello che puoi fare è sforzarti per offrire all’utente un contenuto migliore (e più pertinente) rispetto al contenuto offerto dai tuoi concorrenti per quella specifica query di ricerca.

Per esempio, se una persona cerca su google “addestrare un cane”, la prima posizione se la meriterà la pagina Web che descriverà meglio e in maniera più pertinente come addestrare un cane!. Dovrà essere una pagina Web ricca di testo e di immagini, l’utente deve arrivare nella pagina, leggerla ed essere contento e soddisfatto.

Per esempio, se la tua pagina Web si trova in prima pagina e gli utenti appena entrati escono subito (dopo pochi secondi) google se ne accorge e automaticamente fa arretrare la pagina dalle prime posizioni. In caso contrario, se il tempo di permanenza è alto, vuol dire che è un contenuto che piace agli utenti e google lo premia facendogli guadagnare le posizioni.

Se noti, io applico questi principi ad ogni mio singolo articolo: la pagina che stai leggendo la voglio ottimizzare per la query di ricerca cos’è la SEO e in questo articolo cerco di dare una risposta esauriente e completa a tale domanda. Vorrei che l’utente che arriva in questa pagina e che non ha idea di che cosa sia la SEO, la legga, ne sia soddisfatto e possbilmente che lasci un commento.

A proposito ricordati di lasciare un commento alla fine della lettura 😉

E se ci fai caso tutti i miei contenuti sono così, non mi limito a mettere due foto e scrivere due righe tanto per. Mi impegno e dò il massimo, in ogni singolo articolo.

Punto 2: Apri un Blog

Chiunque crea siti internet, consiglia ai propri clienti di aprire un blog (o sezione News se preferisci).

Il Blog non serve solo come strumento di Marketing, ma serve anche per posizionare il tuo sito Web nelle prime pagine dei motori di ricerca.

E’ dura scrivere articoli, lo so e ti capisco, ma con il tempo diventerà sempre più facile perchè diventerai sempre più bravo.

Ovviamente devi avere un sito Web che ti permetta di inserire articoli (e contenuti) autonomamente senza dipendere dalla Web Agency (o sviluppatore Web freelance)che ti ha realizzato il sito Web, per approfondire legg l’articolo su come scegliere una web agency.

Non mi dilungherò ulteriormente, ma è importante questo punto, fidati.

Punto 3: la SEO è difficile da imparare e da applicare con successo

Questa cosa è importante, se hai una azienda e devi ottenere risultati subito le strade sono due:

  1. Traffico a pagamento (Google Adwords)
  2. Ti affidi ad una buona agenzia SEO

NON ti mettere a studiare da solo questa disciplina perchè non è facile, ci vuole tanto tempo e dedizione. NON fare l’errore di comprare un libro in libreria e metterti a leggerlo.

Se devi avere risultati SUBITO segui i due punti precedenti.

Poi, con calma la sera se hai tempo, puoi dedicarti allo studio del SEO.

Ma ancora prima di studiare SEO, consiglio di studiare la scrittura persuasiva (copywriting).

Se hai letto l’articolo che tratta il traffico web e le conversioni, avrai capito che il SEO porta ad aumentare il traffico e il Copywriting porta ad aumentare le conversioni.

Concentrati a scrivere articoli e contenuti che interessino agli utenti (e questo lo devi fare tu, non si delega mai), piuttosto che passare il tempo a studiare SEO.

Punto 4: Forse non hai bisogno di fare SEO

I tuoi clienti cercano i tuoi prodotti o servizi su google?

E’ il classico esempio dei prodotti o servizi geolocalizzate in zone poco popolate.

Per esempio, se sei un antiquario che vende a Riccione, la tua parola chiave a cui puntare potrebbe essere “Antiquariato Riccione”.

Il problema è che NESSUNO cerca questa parola chiave! Quindi è facile posizionarti in prima posizione con questa query di ricerca, ma non ti servirà a portare traffico sul tuo sito Web (quindi nessun nuovo cliente derivante dal tuo sito Web).

Se ci spostiamo in una zona più popolata come Rimini, la query “Antiquariato Rimini” ha 40 ricerche mensili. Troppo poche per investirci del tempo per il SEO.

La query “antiquariato roma” ha 590 ricerche mensili e quindi può aver senso mettere in piedi una strategia SEO.

Quindi, se la tua azienda vende prodotti o servizi che la gente non cerca su google, non perdere tempo e denaro ma investili in altri strumenti di Marketing (Es: Facebook Ads o lettere di presentazione cartacee).

ATTENZIONE: Anche se non cerca su google i tuoi prodotti o servizi, il blog lo devi aprire comunque (un blog non serve solo per la SEO, ma anche per tutta un’altra serie di motivi che non ti spiego adesso perchè non è lo scopo di questo articolo, andrei fuori tema).

Spero di aver spiegato in maniera esauriente che cos’è il SEO, se hai dubbi o domande scrivi pure nei commenti !

 

Facebook 0
Google+ 0
Twitter
LinkedIn 0
WhatsApp
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Presto disponibile per il download l'ebook gratuito "Acquisire clienti dal web". Resta sintonizzato!